TECNICA – Le cause (e i rimedi) della crisi Ferrari « Formula 1 « 422race.com – Le ultime news di Formula 1, F1, GP2, WTCC, DTM, GT, F3, GP3, AutoGP, IndyCar, Le Mans e tanto altro TECNICA – Le cause (e i rimedi) della crisi Ferrari « Formula 1 « 422race.com – Le ultime news di Formula 1, F1, GP2, WTCC, DTM, GT, F3, GP3, AutoGP, IndyCar, Le Mans e tanto altro
150-italia-develop-422race

TECNICA – Le cause (e i rimedi) della crisi Ferrari

Pubblicato 18/04/11 12:04 da Paolo Filisetti 4 commenti

Mentre McLaren e Mercedes sorprendono, la Ferrari anche nel Gran Premio di Cina resta al palo. Quali i motivi delle difficoltà della 150° Italia? E cosa si sta facendo a Maranello per porvi rimedio? Ce lo spiega il nostro indiscreto tecnico Paolo Filisetti.

SHANGHAI (dal nostro inviato) – Essendo Shanghai la seconda di due gare consecutive, a una sola settimana dalla Malesia, era chiaro che i cambiamenti sulle vetture non sarebbero stati molti. In compenso, la maggior parte dei team hanno portato dei raffinamenti, mentre altri hanno utilizzato soprattutto le prove del venerdì come una sessione di test per raccogliere dati da utilizzare nello sviluppo delle vetture tra ora e la Turchia.

La Ferrari, in particolare, è stata il team che più degli altri ha adottato questo tipo di piano. In particolare, dopo la deludente gara in Malesia, era importante per la squadra italiana comprendere dove stessero le cause della mancanza di prestazione dell’attuale vettura. Principalmente si tratta di una ben nota mancanza di carico, in particolare all’anteriore, perciò era fondamentale per la Ferrari investigare. Per questa ragione, l’ala anteriore della vettura è stata dipinta con una vernice speciale utilizzata nelle prove aerodinamiche, così come il fondo del muso e la sospensione anteriore, per visualizzare l’andamento del flusso d’aria in queste aree.

150-italia-develop-422race

Tre aree principali sono state evidenziate come elementi che verranno profondamente sviluppate nelle prossime settimane. Nel dettaglio, l’ala anteriore, soprattutto nelle paratie e nell’area del profilo principale. Il musetto (1) potrebbe essere sviluppato così come la forma del fondo vettura, per aumentare la quantità del flusso d’aria che attraversa la parte bassa della monoposto (2). Anche l’area dello splitter potrebbe essere modificata, così da deviare in modo più efficiente il flusso d’aria diretto al di sotto della vettura.

steering-wheel-2011-422race

Un esperimento interessante è stato portato avanti anche sul volante della 150° Italia. In particolare, entrambi i piloti hanno portato dei volanti con i pulsanti del KERS e dell’ala posteriore mobile spostati in posizioni diverse. Queste modifiche sono state applicate alla luce della ricerca della miglior posizione di questi bottoni sul volante per facilitare il lavoro dei piloti nell’attivazione dei relativi sistemi.

Paolo Filisetti





Commenti (4)

robertoaprile 18th, 2011 at 12:21

LE CAUSE = dei somari ai ponti di comando e alonso che ne combina piu’
di bertoldo in francia ed inoltre continua a difendere le
strategie sbagliate ( sbaglia anche il pilota quando sta in
pista a perdere 4 secondi al giro

I RIMEDI = cacciare domenicali – costa – fry

Paoloaprile 18th, 2011 at 12:38

rivogliamo ross brown

dragozuriaprile 18th, 2011 at 17:55

Mi sembrete tutti impazziti. Ma sapete soffrire che cavolo di passione avete, la storia Ferrari dura da 60anni, sempre così passione, delusione e ancora passione e urlo. Andate a tifare calcio li si passa da una squadra all’altra dalla sera alla mattina. Oggi Ibra è il dio del Milan domani (proprio domani) dell’Inter (che dicono sia una squadra italiana boh?). Tutti attorno a Ferreri, sanno loro cosa fare. Forza Ferrrrrrrari!!

Barcellonaaprile 18th, 2011 at 21:41

On ne remplace pas le trio Todt, Brawn et Schumacher comme cela, manifestement, Domenicali n’est pas le bon directeur, il ne dicte pas la direction, il ne fait que copier… Les stratégies sont mauvaises, elles sont également plagiées, bref, il manque un vrai patron qui croit dans les capacités de son team. Je pense que le reste de l’équipe est bonne sauf pour le deuxième pilote (Massa).
Courage cher Monsieur Montezemolo, il est temps de faire comme vous le dite si bien en italien : Piazza Pulita.

Un Italien de Genève, Antonello.

Lascia un commento

Il tuo commento

I nostri sponsor:
ART Grand Prix Karting
http://www.pezzidiricambio24.it/
Aiutacamilla.it ProSpeed
Euronova TT Management
Edoardo Piscopo Mino Caccia
Gianmarco Ercoli Alex Fontana
Telodoioilricamo Federico Sandre
www.radiosportiva.com
Le nostre rubriche: