8CILINDRI – Una vittoria firmata Norbert Haug « 8Cilindri « Rubriche « 422race.com – Le ultime news di Formula 1, F1, GP2, WTCC, DTM, GT, F3, GP3, AutoGP, IndyCar, Le Mans e tanto altro 8CILINDRI – Una vittoria firmata Norbert Haug « 8Cilindri « Rubriche « 422race.com – Le ultime news di Formula 1, F1, GP2, WTCC, DTM, GT, F3, GP3, AutoGP, IndyCar, Le Mans e tanto altro
159642593-381691442012-422race

8CILINDRI – Una vittoria firmata Norbert Haug

Pubblicato 18/04/12 09:33 da Mark Gallagher

Il principale merito della prima vittoria Mercedes nel Gran Premio di Cina? Non va a Nico Rosberg, ma a Norbert Haug, responsabile sportivo della casa di Stoccarda. Lo sostiene il nostro opinionista Mark Gallagher, ex boss Cosworth in Formula 1.

di Mark Gallagher

La prima vittoria di Nico Rosberg in Formula 1 nel Gran Premio di Cina di domenica è stata un successo personale unico per Norbert Haug, responsabile dei programmi motorsport di Mercedes-Benz. Anche se il team si godrà giustamente la gloria di un’importante vittoria, Haug è il rappresentante dell’unico costruttore di automobili di massa proprietario di un team di Formula 1 e, sotto la sua guida, la casa di Stoccarda ha mantenuto il suo impegno nei confronti di questo sport in un momento in cui molti altri si dirigevano verso l’uscita.

Haug è diventato responsabile della Mercedes-Benz motorsport poco più di 20 anni fa, sostenendo i programmi nel DTM e nell’endurance con le sport car firmate Sauber, ma presto ha portato la stella a tre punte in Formula 1 e in CART, dove il suo motore portò la Penske di Al Unser Jr alla vittoria nella 500 Miglia di Indianapolis del 1994. L’anno successivo, stipulò la partnership tra Mercedes e McLaren, che nel Gran Premio d’Australia 1997 li avrebbe condotti alla loro prima vittoria con David Coulthard, ma forse il più grande risultato di Haug è stato proprio la creazione del team Mercedes-Benz GP.

Gli ultimi 15 anni sono stati un periodo drammatico per le fortune commerciali della Formula 1, poiché i costruttori automobilistici di massa sono entrati e usciti. L’unico a rimanere è stato proprio la Mercedes-Benz. La Peugeot è uscita nel 1997, la Ford ha sostenuto la Stewart Grand Prix, ha creato la Jaguar Racing e infine ha venduto tutto alla Red Bull nel 2004. Honda, Toyota e BMW si sono unite alla griglia, spendendo miliardi di dollari ma senza mai comprendere davvero ciò che serve per diventare un team vincente, e sono di nuovo scomparse nel 2008-09. La Renault ha vinto, è stata coinvolta in scandali e infine ha venduto il suo team alla Genii Capital, restando solo come fornitrice di motori.

Mentre le dirigenze degli altri costruttori non sono riuscite a sviluppare un team competitivo e hanno trovato più semplice ritirarsi, la Mercedes-Benz ha confermato il proprio impegno. Ironicamente, sarebbe stato proprio il fallimento della Honda ad aprire la strada al successo della casa tedesca. Dopo l’addio alla F1 del costruttore giapponese nel dicembre 2008, il team fu ribattezzato Brawn GP, vincendo i campionati del mondo 2009. Haug potè così comprare il team e le sue superbe infrastrutture di Brackley per una frazione di quanto costò alla Honda per il suo sviluppo.

Nel 2010 e 2011, a produrre le vittorie per i motori della Mercedes-Benz era rimasta ancora solo la McLaren e il loro continuo successo si era spesso tradotto in dibattito sul fatto che il team Mercedes-Benz GP valesse o meno il denaro speso. Il risultato di domenica metterà fine a questa discussione, dal momento che sia Rosberg che Michael Schumacher sembrano destinati ad essere pienamente competitivi quest’anno.

Il contratto della McLaren con Mercedes-Benz High Performance Engines scade nel 2015 e, essendo oggi la McLaren un rivale diretto dell’azienda tedesca nel mercato dell’auto, la strategia di Haug di sviluppare un team tutto Mercedes-Benz sembra destinata a fiorire negli anni a venire. È stato scritto ampiamente che la vittoria di domenica in Cina è stata la prima di un team Mercedes-Benz in Formula 1dal Gran Premio d’Italia 1955: è stata una grande attesa, ma un sol uomo è riuscito a mantenere l’impegno della casa in F1 per riuscirci. Ben fatto, Norbert!

Mark Gallagher (in collaborazione con GoCar.gr)





Lascia un commento

Il tuo commento

I nostri sponsor:
ART Grand Prix Karting
Aiutacamilla.it ProSpeed
Euronova TT Management
Edoardo Piscopo Royal Service
Gianmarco Ercoli Alex Fontana
Telodoioilricamo Federico Sandre
www.radiosportiva.com
Le nostre rubriche: